Ottobre 2019

Sviluppato il primo modello animale per studiare l`amiloidosi da D76N β2-microglobulina (β2-m)

articolo postato il: 2019-10-09 22:06:10

Il nostro gruppo di ricerca a Pavia ha messo a punto il primo modello animale invertebrato in grado di esprimere la variante amiloidogenica della β2-microglobulina umana (D76N β2-m). La caratterizzazione fenotipica della linea transgenica di Caenorhabditis elegans esprimente la variante patologica D76N β2-m, è stata condotta utilizzando l`innovativa piattaforma INVAPP-Paragon messa a punto dal gruppo di David Sattelle dell`UCL a Londra. I nematodi malati mostrano crescita e fertilità ridotte e una minore capacità di movimento rispetto agli animali sani di controllo. Infatti, come evidenziato nel video, le dimensioni della popolazione della linea transgenica esprimente la variante amiloidogenica (a destra) sono notevolmente ridotte rispetto a quelle della linea di controllo (a sinistra), quando i nematodi vengono coltivati a 25°C per sei giorni. Inoltre la motilità complessiva della linea patologica risulta inficiata. Questo sistema permetterà di studiare il potenziale farmacologico di inibitori del processo di amiloidogenesi.