Ricerca

articolo postato il: 2013-04-30 11:37:30

Siamo convinti che per capire le basi molecolari delle amiloidosi serva uno sforzo congiunto di discipline diverse quali la fisica, la chimica, la biologia e la medicina. Il nostro gruppo di ricerca lavora nell`Istituto di Biochimica e afferisce al Dipartimento di Medicina Molecolare dell`Università di Pavia.
La nostra attività di ricerca sulle basi molecolari e i meccanismi patogenetici di questo complesso gruppo di malattie è nata in stretta collaborazione con il Centro per lo Studio e la Cura delle Amiloidosi Sistemiche diretto da Giampaolo Merlini, che ha sede presso il Policlinico San Matteo di Pavia e a cui afferiscono pazienti affetti da diverse forme sistemiche di amiloidosi. Oltre a proseguire una stretta e proficua collaborazione con questo
 Centroin questi anni abbiamo organizzato un gruppo di lavoro multi-disciplinare che da istituti di ricerca, situati in città e nazioni diverse, lavora con lo stesso obiettivo e condivide in tempo reale e in modo totale la propria attività di ricerca. Abbiamo capito, con sempre maggiore precisione, le leggi fisiche che causano la trasformazione delle proteine dalla forma fisiologica a quella patologica, ma non sappiamo ancora come tale meccanismo si possa realizzare in vivo nell`uomo. Il nostro sforzo è pertanto concentrato sullo sviluppo di tecnologie e modelli biologici che ci permettano di scoprire gli eventi responsabili della trasformazione patologica delle proteine negli organismi viventi.

Con l`obiettivo di incrementare l`efficacia della nostra ricerca, in questo momento cruciale della storia scientifica di questa malattia, Vittorio Bellotti, nel novembre 2011, ha accettato una posizione di professore di "Medical Biochemistry" press
o il National Amyloid Centre dell`University College London (UCL). Questa scelta sta portando ad una forte integrazione dei gruppi di ricerca di Pavia e di Londra e siamo convinti che questa sinergia possa accelerare fortemente il processo di conoscenza della malattia e lo sviluppo di nuovi strumenti terapeutici.